Pagina:Storia di Milano I.djvu/324

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Ambrogio: a consilio quadringentorum et trecentorum et centum, novo et veteri. Il consiglio de’ quattrocento era composto da’ nobili del primo ordine, e gli altri da quei della Motta e della Credenza di Sant’Ambrogio. Mi lusingo che questa uscita non sarà spiaciuta a’ miei lettori, ai quali dirò che liti e scomuniche e disturbi lunghi vi furono poi per ottenere che il calice d’oro venisse restituito; il che era bene da prevedersi: mentre, dopo cinquantadue giorni, nell’estrema angustia della guerra nella quale si trovava la città, non era possibile ch’essa rinvenisse il denaro per ricuperare quel pegno. I contratti, quando hanno bisogno di tante e sì moltiplicate cautele, per lo più non sono osservati. La buona fede è chiara e semplice, e l’artificio è pieno di previdenze.

La necessità di stabilire un carico indefettibile sulle terre, si è conosciuta abbastanza da quanto si è detto. Questo era il voto del popolo: a questo fine Martino della Torre era stato creato anziano della Credenza; e si eresse un ufficio censuario, che si chiamò Officium inventariorum, perchè ivi contenevasi il catastro, ossia l’inventario (siccome volgarmente si dice) di tutt’i fondi stabili, coi loro possessori, senza eccettuarne gli ecclesiastici. Il legato apostolico proibì con suo decreto l’imporre gravezza veruna alle persone o case religiose; ma, ridotto a termine il generale catastro, si pensò a porre un sistema. Si fece una ricapitolazione dei debiti pubblici; e, ripartita questa somma in otto eguali porzioni, si stabilì che per otto anni si distribuisse sopra del censo una di queste porzioni ogni anno, col nome di fodro