Pagina:Storia di Milano I.djvu/416

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


agosto dell’anno 1339, senza lasciare figli. Undici anni soli regnò quell’amabile signore, che gli autori contemporanei, tutti concordemente, ci descrivono di bella figura, di nobile aspetto, grazioso, buono, giusto, e adorato da’ suoi popoli; che rimasero inconsolabili, dovendo perdere un tanto caro protettore della patria, nell’età ancor fresca di trentasette anni. Più di tremila persone vestirono il lutto alla di lui morte. La figura di questo amato principe si vede nel di lui mausoleo, che trovasi presso del signor conte Carlo Anguissola, nobilissimo amatore delle belle arti e dell’antichità della patria. Azzone fu il primo che veramente fosse sovrano; e laddove nessuno dei Torriani, nè Ottone Visconti, nè Matteo I, nè Galeazzo I ardirono mai di porre il loro nome nella moneta; la quale anzi sempre fu coniata o col nome solo di Milano e di sant’Ambrogio, ovvero coll’aggiunta del nome del re de’ Romani o dell’imperatore; Azzone pose il suo nome e la biscia nelle monete milanesi. E in ciò è degna d’osservazione la gradazione tenuta; avendo io delle monete milanesi di Lodovico il Bavaro, coniate sul modello di quelle di Enrico di Lucemburgo; indi una di Lodovico, la quale ha nel campo unicamente le due lettere A Z. Fu questo il primo tentativo di Azzone, in seguito a cui, trascurò poi interamente il nome imperiale, e sostituì il proprio, apponendovi lo stemma del suo casato.