Pagina:Sulle strade ferrate nello Stato pontificio.djvu/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

23

quasi tutti sono costretti di trasbordare; 4.° Che il trasporto per acqua da Civitavecchia a Ripagrande di Roma costerà più che per la strada ferrata, siccome dimostreremo; 5.° Che per le merci di poco peso e molto volume, il computo della spesa per via di mare è molto più grave. Ove poi si tratti di un necessario trasbordo, 1’utilità è evidente. Imperciocchè il minimo e raro nolo da Civitavecchia a Roma è di -^ 2. 40 la tonnellata, il più frequente è di -^ 2. 70: al contrario, come abbiamo veduto, la spesa sulla ferrata sarà di -^ 2. 30. Nè si creda che i trasporti per acqua diminuiranno di prezzo; poichè per le gravi spese di sopra enunciate, è ciò impossibile, nulla o poco lasciando di utilità al bastimento il saggio dei noli attuali se non v’ha carico di ritorno. Non è dunque inverosimile che quanto oggi Roma riceve per la via del Tevere, lo avrà per la ferrata più sollecitamente, con minore pericolo, con pari, se non forse minore, dispendio.

Si chiederà quale sia la quantità di queste merci che s’importarlo in Roma. Noi la determineremo: 1.° con un calcolo ipotetico: 2.° con calcolo basato sopra fatti attuali.

È positivo che nel porto di Civitavecchia approdano non meno di 2500 bastimenti all’anno di varia portata, compresi i vapori. Da questo numero sottrarremo 500 per quelli che approdando forzosamente e di rilascio non vi discaricano o trasbordano; per quelli che vengono a caricare vacanti; per quelli che recano merci pel consumo di Civitavechia. La detrazione è esagerata, ma noi vogliamo essere generosi: per provare che la strada non sarà pessima, ci basta ben poco, e ci atteniamo al poco. Supponiamo che ognuno dei sudetti 2000 bastimenti porti soltanto 50 tonnellate di merci: si avrà una importazione di cento mila tonnellate. A provare non esagerato il calcolo del quantitativo delle tonnellate, ma a dimostrarlo di gran lunga minore del vero, addurremo un esempio tratto da documenti officiali. Nel 1846 di soli bastimenti con bandiera Sarda si ebbero i seguenti approdi: