Pagina:Svevo - La coscienza di Zeno, Milano 1930.djvu/541

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search




Zeno: «L’autore di C. d. Z., è un tipo nuovo, interessantissimo, capace di mettere insieme un romanzo quale molti letterati di professione si augurerebbero di avere scritto»... «la storia di Zeno, attraverso la sua alterna vicenda di riso e di pianto, raggiunge il limite di un alto valore umano».

La Libertà, Trento, 10-8-24.


Zeno: «costeggia la storia come la intendeva Strindberg, e ricorda, per l’ampio respiro, Balzac».

Il Popolo di Trieste, 21-11-24.

Giulio Cesari


Zeno: «una delle più originali creazioni della nostra ultima letteratura».

Piccolo della Sera, Trieste, 21-11-24.

Ferdinando Pasini


LA “SCOPERTA DI SVEVO„

«L'autore che io tradurrò nessuno lo conosce. È un ignorato, un secondo Proust, che bisogna tradurre e rivelare senza indugio. Sarò io a rivelare questo italiano agli italiani. Tradotto apparirà, qual’è, un autore di genio».

La Sera, Trieste, 19-3-25.



Intervista di Dora Salvi con Beniamino Crémieux.


«Italo Svevo... una delle figure d’artista più concrete e significative del nostro tempo... Una vita... ricorda Balzac come nessun altro romanzo italiano... Senilità... è forse il capolavoro di Svevo: libro di veramente grande potenza. Qui Svevo non ricorda più nessun scrittore, ricorda se stesso. Zeno è il libro più vasto e significativo di Svevo: esso resta uno dei migliori libri nostri degli ultimi anni».

L’Esame, Milano, nov.-dic. 25.


Zeno: «Italo Svevo è il primo romanziere d’analisi che abbia prodotto l'Italia contemporanea»... «questo grande romanziere misconosciuto...».

L’Avenir, Parigi, gennaio 26.

Leone Treich


Una vita e Senilità «stupiscono per la loro nervosa modernità...». «Sembrano anticipare già molte esigenze e preoccupazioni dell’arte europea contemporanea ». Una vita fa pensare a Balzac. Con Senilità Svevo «tocca i suoi risultati maggiori e la