Pagina:Tebaldo e Isolina.djvu/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

27

s’agita, Tebaldo si mette al di lui fianco: i Cavalieri s’uniscono e si portano sotto alla bandiera di Tromberga che Geroldo alzerà.

Ger. e Coro

Ecco i bellici concenti:
Già raccolte son le schiere
Di Tromberga alle bandiere
Ogni prode accorrerà,
Fra i perigli, nei cimenti
Nuovi allori coglierà.

poi verso Tebaldo che agitatissimo è accanto a Boemondo, che l’osserva severo

E Sigerto!

Isol. E tu mio bene!

Ger. Tu, Fratello!

Erm. Figlio?

Teb. in tutta angustia (Oh pene!)

Boe.

Sì; fra l’armi lo vedrete
Avvampar di furie ultrici;
A punir fieri nemici

marcato fiero

Io medesmo il guiderò.

Teb.

Non temer, bell’idol mio,
Volerò di Marte al suono,
Bacerò d’amore il dono
E per te trionferò.

bacia la sciarpa

Ger. e Coro Alla gloria, al campo all’armi:

Boe. Viene...

Teb. Addio

con passione ad lsolina

Isol. tristissima Mi lasci?

Teb. con afanno Oh fato!

Erm. E tu ognor così celato!

a Boe.


Boe. Qui conoscer mi farò.

marcato


Erm. Qui!...

sorpreso


Teb. Signor...

volendo impedire conduce Beo.