Pagina:Tragedie (Pellico).djvu/152

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto quinto.—sc. ultima. 147

Ultimi.... Oh sposo! oh padre!... almen tra voi....
Amata.... io muoio! E la novella legge....
Eleazaro.Sì, figlia!...1 — Ella spirò!
Popolo.Jefte s’uccida!
Jefte!
Azaria.A me, scellerato, a me il tuo infame
Sangue s’aspetta. Muori!2
Jefte.3Oh questi strazi
Avesser termin colla morte!... Ahi, veggio
Or l’eterno avvenir.... ch’io non credea!
Oh supplizi! oh terror!
Azaria.Caduto è l’empio;
Ma chi alla mia innocente Ester la vita
Rende? — Amata mia sposa! Ester!4
Eleazaro.Esausti
Son tuoi strali, o Signor! Ah, in me vibrasti
Ultimo il più crudel! nulla al tuo servo
A soffrir resta; or toglilo alla terra!5

  1. Silenzio.
  2. Lo svena.
  3. Con voce di spavento e di disperazione.
  4. Si getta a terra abbracciando desolatamonte l’estinta.
  5. Cade il sipario.