Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I.djvu/151

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
112 ESCHILO

giungemmo, sopra il valico dell’Assio,
di Bolbe sopra le palustri canne,
di Pange all’alpe, ed all’Edonia terra.
In questa notte un Nume suscitò
intempestivo gelo, e le fluenti
tutte agghiacciò del limpido Strimone.
Qui, tal che pria fede negava ai Numi,
allora si prostrò, la terra e il cielo
con le preci invocò. Quando poi tregua
ebber le tante suppliche, l’esercito
il fiume traversò, fatto cristallo.
Ma sol chi lo varcò prima che i raggi
si spandesser del sole, in salvo giunse:
poiché l’orbe del sol, di raggi ardendo,
e con la vampa il tràmite bruciando,
lo liquefece a mezzo. Oh!, fortunato
chi perse prima l’alito vitale!
Quei che, serbati, attinsero salvezza,
traversata la Tracia a gran fatica,
sul patrio suolo sono qui, fuggiaschi;
né molti sono. Onde può Susa piangere
la sua piú cara gioventú perduta.
Il vero è questo. Ed altri assai tralascio
mali che un Nume ai Persïani inflisse.
coro
Oh!, con che greve piede, infesto Dèmone,
balzato sei sopra la persa stirpe!