Pagina:Tragedie di Euripide (Romagnoli) IV.djvu/112

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

IFIGENIA IN AULIDE 109

Al duce loro padre era Mecísteo,
che fu di Tàlao figlio.
Quivi era presso Stènelo.
figlio di Capanèo. Schierate in ordine
seguívano, e duce il figlio era di Tèseo,
sessanta navi d’Attica.
Palla, su carri alati e solidunguli
corsier, diletto e fausto
emblema era al naviglio.

Strofe III
E dei Beòti vidi poi l’esercito,
cinquanta navi, che d’emblemi cariche
avean le poppe loro.
Di Cadmo sugli aplustri era l’immagine,
col suo serpente d’oro.
E il terrigeno Lèito,
comandava di Fòcide

l’oste navale .     .     .     .     .     .     .     .
· · · · · · · · · · ·

E il figlio d’Oilèo, che vien dall’inclita
città di Tronia, di numero pari
di Locride conduce i marinari.

Antistrofe III
Da Micene ciclopia
mandò l’Atride in cento legni i nauti,
e su le navi stesse
era il germano, amico con l’amico,
perché l’Ellade avesse
vendetta della femmina

che per lo sposo barbaro