Pagina:Tragedie di Euripide (Romagnoli) IV.djvu/148

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

IFIGENIA IN AULIDE 145

Terzo episodio


CLITEMNESTRA
Dal di dentro i tuoi detti uditi, ho, figlio
della Diva Nerèide; e sono uscita.
ACHILLE
Divo Pudore, e quale donna mai
veggo, d’assetto cosí bello e ornato?
CLITEMNESTRA
Non mi conosci tu? S’intende: mai
non mi vedesti; e ben pregi il pudore.
ACHILLE
Chi sei? Perché venuta sei dei Danai,
fra le schiere, fra genti armate a guerra?
CLITEMNESTRA
Figlia di Leda io sono: il nome mio
è Clitemnestra: il mio sposo Agamènnone
ACHILLE
Brevi ed acconce fúr le tue parole;
ma non conviene ch’io parli con femmine.


Euripide - Tragedie, IV - 10