Pagina:Tragedie di Euripide (Romagnoli) VI.djvu/56

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ANDROMACA 53


menelao
Sue non son le mie cose, e mie le sue?.
peleo
Pel bene oprar, non per da; morte a forza.
menelao
Mai non potrai strapparla alle mie mani.
peleo
Con questo scettro il capo ora t’insanguino.
menelao
Toccami, accanto a me fatti, e vedrai.
peleo
E dunque, mai non conterai per uomo,
tristo fra i tristi? Il senno in te dov’è,
degno d’un uomo? Ti rapí la sposa
un amante di Frigia: ché i tuoi lari
senza schiavi lasciasti e senza servi,
come se in casa la piú saggia sposa
lasciata avessi, ed era la piú perfida
di tutte. E già, neppur volendo, a Sparta