Pagina:Tragedie di Euripide (Romagnoli) VI.djvu/78

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ANDROMACA 75


il legame del sangue. E nei pericoli
nessuno può giovar piú d’un parente.
ermione
Delle mie nozze è solo responsabile
il padre mio: non tocca a me deciderne.
Ma tu, recami via da questa casa
prima che sia, ché ritornar non debba
10 sposo a prevenirmi, o il vecchio Pèleo
non sappia ch’io la casa ho abbandonata,
e non muova cavalli ad inseguirmi.
oreste
Sta pur tranquilla, quanto al vecchio. E quanto
al figliuolo d’Achille, ond’io coperto
d’ingiurie fui, non lo temere: tale
trama di morte, contro lui, da questa
mano è tesa con lacci inestricabili.
Quale, non lo vo’ dir prima: la rupe
vedrà di Delfo I’opere compiute:
se manterranno fede ai giuramenti
i miei compagni d’arme, il matricida
gl’insegnerà, sopra la terra pitica,
ch’ei non doveva far sua sposa quella
ch’era promessa a me. Dovrà d’amaro
la vendetta sapergli, a Febo chiesta,
di vendicare il padre ucciso. Poco
il pentimento suo potrà giovargli,
ché al Nume il fio non paghi. E per le insidie