Pagina:Tragedie di Euripide (Romagnoli) IV.djvu/146

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

IFIGENIA IN AULIDE 143

vuol ricondurre la sorella, Elèna,
dalla reggia di Priamo ai lidi d’Ellade
con lance e scudi; e avran gli Dei gran pena.

Epodo
E le torri marmoree
della rocca di Pergamo
con le omicide cuspidi
circondate, e dai culmini
distrutta la città,
le figliuole di Priamo
e la sposa nel pianto immergerà,
e di Giove la figlia
che lo sposo tradiva, Elena, lagrime
versare anche dovrà.
Deh, mai tale presagio
io debba avere di futuro danno,
come le spose frigie ornate d’oro!
Ai telai sederanno
e diranno fra loro:
«Chi dunque, per la florida
chioma ghermita, con furia di lagrime,
dalla distrutta patria
ne rapirà sua preda,
per te, che sei germoglio
d’un collilungo cigno, se veridica
è la fama che a Giove, allor che aligera
parvenza assunse17, te generò Leda,
se pure inani favole
queste non sono, che gli uomini appresero

dalle pierie tàvole».