Pagina:Tragedie di Euripide (Romagnoli) IV.djvu/321

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
318 EURIPIDE


Pag. 105, v. 5. - Dei Ciclopi alle sedi, cioè a Micene.

Pag. 106, v. ultimo. - Sulla chiara acqua sorgiva, cfr. pag. 127 e pag. 174.

Pag. 124, v. 6. - Di Sisifo il rampollo è Ulisse, perché, secondo una leggenda, quando Anticlèa andò sposa a Laerte aveva già concepito Ulisse dall’amante Sisifo. Cfr. pag. 181, v. 3.

Pag. 137, v. 7. - Apidano, fiume della Tessaglia che sbocca nel Peneo, presso Larissa.


Pag. 142, v. 18. - I Dioscuri si libran nell’etere, appunto perché, come è noto. Castore e Polluce formano in cielo la costellazione dei Gemelli.

Pag. 143. v. 25. - Aligera parvenza assunta; è noto che Giove, innamoratosi di Leda, si accostò a lei sotto forma di ciglio.

Pag. 191, v. I. - La città di Perseo è Micene.

Pag. 194, v. 29. - In mezzo all’aureo canestro, ove erano le offerte per il sacrificio.


NOTE A «IFIGENIA IN TAURIDE»


Pag. 218, v. 5. - Voto facesti un dì, per calmare lo sdegno di Artemide, che aveva offesa.

Pag. 218, v. 22. - Il nome ei n’ebbe: Toante da θοός, veloce.

Pag. 219, v. 22. - Strofio marito di Anassibia, sorella di Agamennone, fu poi padre di Pilade.

Pag. 224, v. 2. - Le rupi ecc. Sono le Simplègadi; cfr. p. 238, v. 6.

Pag. 226, v. 25. - L’ariete d’oro; allude alla pecora dal vello d’oro trafugata da Tieste al fratello Atreo, per la quale Tieste ebbe fraudolentemente il regno d’Argo; onde l’ira di Atreo che uccise i figli del fratello e glieli diede a mangiare. Cfr. p. 267, v. 3.

Pag. 238, v. 8. - Le coste Fineidi, cioè le coste della Tracia europea, di cui era re Fineo.

Pag. 262, v. 1. - Le Rupi azzurre sono le Simplègadi.

Pag. 276, v. 4. - Le Dee cui nominar si vieta sono le Furie: era ritenuto di cattivo augurio il nominarle.