Pagina:Trattati del Cinquecento sulla donna, 1913 – BEIC 1949816.djvu/269

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

libro secondo 263


divennero. Ma che mi voglio piú andare aggirando negli essempi? Per li quali può apparir piú chiaro che ’l sole di meriggiana, che questi odori, zibetti e moscati sono cattivi anzi che buoni, se dagli effetti una cosa si dee giudicare e conoscere quale ella sia, o buona o mala. — Quivi tacque il signor Pietro, aspettando d’udire ciò che, all’incontro, gli dicesse l’aversario. Il quale, come se dal sonno si fosse desto ed isvegliato allora allora, levossi e riparlò in tal maniera: — Voi, signor Pietro, quel tanto, che per voi faceva e che a proposito vostro essere conoscevate, ci avete leggiadramente qui in mezo recato: ma certo non l’avete ancora vinta. Peroché so ben io che di queste misture e di questi zibetti gli effetti non sono sempre tristi, ma buoni alle volte, e forse il piú. E, perché non mi possiate tassare qui, come piú su, nella ragione ch’io tacqui, io voglio essere contento di addurre un essempio, e forse un paio, secondo che usate voi bene spesso di fare ragionando. Leggesi ch’un certo barcaruolo, chiamato Faone, era nell’arte sua tanto giusto, che mai non averebbe egli giuntato niuno; e si mostrava sí fatto che da persona che non potesse pagarlo non pigliava mai pagamento. Ora a venne che in Lesbo, ove essercitava sua arte, nacque de’ suoi costumi non poca ammirazione e, lodandolo tutti, anco Venere, loro iddio (che cosí la chiamano), lodollo e commendollo sommamente. Indi a poco se gli appresentò in forma di vecchia, chiedendo che la volesse in su l’altra riviera traghittarla. Faone, senza altro, la fece in sua barca salire, e poi, usando suo officio, al destinato luogo la condusse, ove non volle mercè nè paga veruna. Ma che operò per lui poscia Venere? Operò questo: che, dandogli in dono un vasetto di soavissimo moscato, lo fece, di vecchiarello ch’egli era, divenire subito il piú bel giovine che mai si trovasse in Lesbo o forse in tutto il mondo. Che dite qui — soggiunse poi — signor Pietro, non fu meraviglioso questo effetto di questo moscato? Non fu egli buono a fare che un uomo, che putiva di cimiterio, tornasse nella piú fiorita etá, e poi sí bello quale mai a’ suoi giorni non fu? — Oh! — rispose il signor Pietro — voi sareste bene di grossa pasta formato ed avreste anzi del grossolano che no, se voi ciò credeste. E, se pure volete credere