Pagina:Trento con il sacro concilio et altri notabili.djvu/171

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Trento 167

Case, Horti, e Giardini da una Contrada all’altra, che quando il tutto sorgesse di pianta in Isola finitamente, si farebbe una Regia formale. L’uno di questi Palaggi serve di dimora al Conte Alfonso di Thunn; l’altro resta vacuo; perche spettandosi al moderno Principe, questi risiede in Castello.

[Palaggio denominato Galasso, quale.] Trà i primi poi si fa notabilmente osservar il Palaggio denominato da’ Conti Galassi posto in Isola sù’l Corso di Contrada lunga. E di fabrica in quadro con nobil Facciata, Sale grandi, e Appartamenti del tutto proprij. Vi s’entra per una Porta, e Atrio, che ha del Regio. S’ascende per via di Scale ample, che dall’imo al sommo contano 150 gradini di Pietra talmente facili, e piani, che in occasione di Festini, vi salirono i Cavalli à far Balletti; e tutt’hora vi vanno i Giumenti a condur Biade.

[Chiesa, ò Capella di S. Sisinio.] Da basso in disparte si visita la Chiesa, ò Capella, ch’è molto ricca, e propria in honore di S. Sisinio, di cui vedesi la Pala del Martirio in esquisita Pittura, mano del Balneatori. Vi sono Parapetti di Marmo, e Bronzo, ne vi manca l’oro; come pur vi sono ricche mute di Paramenti per il sacro Altare.

[Commodità notabile.] In questo Palaggio v’è tra l’altre una gran bella commodità di Torchio, e di Cantine, il tutto posto sotterraneo, come pur’ è sotto terra una delle Stalle, ò Scuderie à volto sopra 24. Colonne di Pietra, che fan le Poste. L’altra