Pagina:Trento con il sacro concilio et altri notabili.djvu/282

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


[Castrobarcensi concorrono à fabricar il Duomo di Trento, e perche.] E che tal fabrica seguisse, risulta dall’Armi, che si vedono à Lion rampante, essendovi anche nell’angolo, dove và la Torre, un’Inscrittione in Pietra: qual però non parla punto di questo fatto, ne nomina Azone: ma Guglielmo di Castel Barco, sotto l’anno 1309. là dove Azone fù circa l’anno 1170. E detta Inscrittione, ch’è in versi Latini metrici all’antica, non pongo qui, per essere troppo lunga.

[Rolando ab Eike si munisce à Borghetto, e come.] Rolando ab Eike, ò sia della Rovere ottenne per benemerenza il Luogo di Borghetto, ò secondo il Sansovino, Borgheretto vicino a Castel Lizzana, bagnato à sinistra dal Torrente Lenno, dove si munì, e attorniato di fossa, e mura quel sito lo ampliò, e rese popolato, chiamandolo dal Nome Rovereto, e dandogli la propria Arma Gentilitia, ch’è una Rovere, ò Quercia con Ghiande d’oro. [Origine di Rovereto.] Hora esso Luogo, che ha un Castello antico, è ridotto in Città con floridezza di traffico, e viver nobile, come scrivo à lungo in altra Opera.

De’ due Fratelli ab Eike non parla punto il Pincio: bensì il Franco, & il Sansovino confermandosi, il tutto dall’Abbate Antonio Libanori nella sua Ferrara d’oro, & parimente dall’Abbate Eugenio Gamurrini nella sua Historia Genealogica; & altri da lui citati.

[Vescovo Adalpreto dove ucciso, e sua memoria] Nel Luogo, dove fù ucciso il Vescovo, stà per memoria una Piramide in Pietra con l’Inscrittione: Locus Martyrij Beati Adalpreti, Episcopi Tridenti. Il Corpo del Vescovo portato à Trento