Pagina:Trento con il sacro concilio et altri notabili.djvu/363

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Trento. 359

di Thunn con diversi altri Conti, Baroni, e titolati. Indi venivano il Duca Elettor Mauritio, il Cardinal d’Augusta, il Cardinal di Trento, il Cardinal di Ghien, seguiti dalla Comitiva di tutti gli Arcivescovi, Vescovi, Abbati, & altri Padri del Sacro Concilio. Doppo veniva il Capitan Castell’alto con molti Nobili, e Dottori della Città.

[Comitiva Regia del Prencipe.] In tal modo incontrato il Prencipe, e con le debite cerimonie complimentato pervenne in Città tenendo à destra il Cardinal d’Augusta, à sinistra il Duca Mauritio, e seguendo immediatamente il Cardinal di Trento, il Cardinal di Ghien, e il Duca d’Alva; l’Almirante di Castiglia; il Duca di Sessa; il Marchese d’Astorga; il Marchese di Pescara; il Commendator maggiore d’Alcantara; & altri Cavaglieri con tutto il resto della Corte.

Giunti à Porta Santa Croce presentossi al Prencipe da Nicolò Madrutio un Corsiero bellissimo con arredi di veluto Carmosino a ricami d’oro, e fine Perle.

[Il Prencipe Filippo accolto in Città, e come.] Alla Porta stava eretto un Arco trionfale sopra due Pilastroni con due Nicchi, & Archivolto; risultandovi due figure, che tenevano l’Arma di Trento, e del Cardinal Christoforo. Nell’alto della prima figura parlava il motto: Haec dies, quam fecit Dominus; e della seconda: Exultemus, et laetemur in ea. Sopra l’Archivolto nell’alto d’un’ architrave freggio & Cornigione in gran quadro vedevasi Nettuno con il Tridente posato sù tre monti; e sopra il Quadro pendeva l’Arma del Principe con sotto i Versi: