Pagina:Trento con il sacro concilio et altri notabili.djvu/613

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Trento. 609


[Giurisdittione di Tramen in lungo l’Adice.] Trà le Giurisdittioni, e Signorie nel Trentino, senza toccarle tutte, come sono, tali, e tante, una sola notarò, ch’è singolare, come quella, che sola retta in Temporale al Trentino Vescovo nel Tratto Atesino, & è quella di Tramen, da cui provengon’ alcune Entrate anco al Trentin Capitolo per assegnamento del Rè Henrico di Boemia prenominato con obligo della Messa regia in Duomo, di cui si disse.

[Tramen, e suo essere.] E Tramen Luogo di bel sito, e buona Terra: ma l’aria potria essere migliore. Hà popolatione notahile anco di civiltà; e vi stà il Foro di Giustitia con un Vicario. La Campagna è fertile di Grano, Fieni, e Vini, & questi riescono prestanti. Da Trameno si tien’ essere stato oriondo il Vescovo di Trento Lantrameno, successor di Manasse II. come nota Pincio; essendo però incerto, se il Vescovo dal Luogo, ò il Luogo dal Vescovo prendesse il Nome.

Trà i Castelli nel Trentin Vescovato, che, come dissi, trà posseduti in effetto, & quelli, che solo s’aspettano alla Trentina Chiesa, quanto al Ius d’Investitura, e Dominio diretto, saranno in tutto circa 70. oltre quei, che altrove nominai à suo Luogo, 4 soli notarò quì de’ più antichi, & questi sono pur del Vescovato di Trento.

[Castel Stenico descritto.] Castel Stenico per primo è da osservarsi. Stà in Val Giodicaria esteriore nella Pieve di Banal in sito elevato à piè di Monte, che domina il Passo, e la Valle. Consta tutto il Corpo di due fabriche antica, e nuova; questa fù eretta dal Vescovo di Trento Cardinal Bernardo Clesio. L’antica fahrica si tien’ essere stata fin’ avan-