Pagina:Una sfida al Polo.djvu/310

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
304 capitolo xxiv.

dolo verso la gigantesca montagna di ghiaccio la quale, quantunque il mare fosse calmo, continuava a rollare come se fosse lì lì per perdere l’equilibrio e rovesciarsi.

Su una specie di piattaforma che declinava verso l’acqua, una forma umana era comparsa ed agitava pazzamente le braccia, urlando a squarciagola:

Help!... Help!...1. —

Il canadese, abilissimo canottiere, come tutti i suoi compatriotti del S. Lorenzo, in pochi minuti attraverso la distanza, gettò un gancio sul ghiaccio e balzò sulla piattaforma.

L’uomo che gridava era scomparso qualche istante prima dietro una sporgenza.

— Dove siete? — gridò il canadese. — Sono venuto a salvarvi!... Non abbiate alcun timore!... —

Aveva già raggiunta la cima della piattaforma, quando un uomo gli rovinò addosso, bestemmiando.

Stringeva fra le mani un fucile, impugnandolo per la canna.

— Ah!... Miserabile!... — gridò, con accento feroce. — Ti ho trovato finalmente ed ora ti uccido!... Tu non andrai al Polo!...

— Voi.... Torpon!... — aveva gridato il canadese, balzando indietro. — Disgraziato, che cosa volete fare? —

Era proprio il yankee, il suo rivale, che gli stava dinanzi, spaventosamente dimagrito, colla pazzia negli sguardi, il viso smunto, col naso gelato e già intaccato dalla cancrena.

Che cosa era toccato a quel miserabile, ritrovato in vista, anzi a poche centinaia di metri dal Polo? Dov’era la sua automobile? Dov’erano i suoi compagni, poichè non era ammissibile che si fosse slanciato da solo nella grande e perigliosa impresa?

— Giù quel fucile!... — gridò il canadese, estraendo rapidamente il bowie-knife che portava appeso alla cintola, e che era

  1. Aiuto.