Pagina:Varchi - Sonetti.pdf/18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

( 11 )



AL SIG. VINCENZIO VITELLI




SONETTO XI.

 
Valoroso Signor, ch’a tali, e tanti
     Avi vostri, e Bisavi non pur sete
     Simil, ma pari, e solo adeguerete
     4Quanti son oggi, e quanti furo innanti;

Se nè voi l’alto duolo, e i giusti pianti
     Per sì degna cagion frenar potete,
     Ma gli occhi molli, e le guance adre avete,
     8Che far denno i men forti, e men costanti?

Io per me finchè ’l gran Principe, vostro
     Caro Signore, e mio, lieto non vegga,
     11Verserò sempre in un lagrime, e ’nchiostro.

Ma tosto fia, ch’al suo buon Padre, nostro
     Duce Sovran, chi regge il Ciel provegga,
     14Che come quì regnar si dee n’ha mostro.