Pagina:Varchi - Sonetti.pdf/24

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

( 17 )



AL SIG. CONTE CLEMENTE PIETRA




SONETTO XVII.


Conte, io vi veggio colla mente ognora
     Piangere, e sospirar l’alto cordoglio
     Del gran Duce, e gran Mastro; ond’io mi doglio,
     4E verso a doppio il duol per gli occhi fuora:

E con voi tutta quella schiera, ch’ora
     Nasce, e fia tal, ch’io, che son veglio, e soglio
     Non mentir, spero un dì, se non qual voglio,
     8Vederla quanta altra mai fusse ancora.

Nolla prenda il vil barbaro in disprezzo,
     Ch’altrui fato, o follìa, non sua virtute,
     11Gli diede quel per grand’error, ch’avvezzo,

Nè degno era d’aver: sovente il vezzo
     Si muta, e grave danno è gran salute:
     14Suol chi vince da pria, perder da sezzo.