Pagina:Varchi - Sonetti.pdf/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

( 21 )



AL SIG. BERNARDINO GRAZINI




SONETTO XXI.

 
Poscia che tanto grave, e così scuro
     Tempo s’è fatto omai lieve, e sereno;
     E l’alto Cosmo d’ogni valor pieno
     4Tornato è, se non lieto, almen sicuro;

Da voi, caro Grazin, m’involo, e furo
     A questo Poggio più d’ogni altro ameno;
     E mi pare il partir (se bene in seno
     8Vi porto, e portai sempre) acerbo, e duro.

A voi per somma cortesìa non spiaccia
     Per vostro, come io son, tenermi, e dire
     11Al Vinta mio, ch’al buon Concin mi faccia

Raccomandato, e se non è l’ardire
     Mio troppo, fate voi, che non si taccia
     14Quanto debba a Hennando il nostro Sire.