Pagina:Verri - Meditazioni sulla economia politica, 1771.pdf/270

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

266

Annotazioni.

Con quei colori medesimi, coi quali Monsieur Thomas dipinse da Maestro il carattere d’un Ministro di Finanza, e di Economia nell’Elogio del Duca di Sully, e si servì anche Rousseau nel rappresentarci il Ministro di Stato, si sforza il nostro Autore di analizzare i talenti necessarj ai Ministri di questa medesima sfera.

Monsieur Thomas però, nè Rousseau non tentarono mai di sorprendere con la fulminante proposizione, che il Ministro di Economia debba sopra ogni cosa esser attivo nel distruggere, e cautissimo nell’edificare. Distruggere i mali è cosa utile e necessaria; ma non conviene confondere i mali con le opinioni: non bisogna immaginarsi, che sia bene tutto ciò ch’è strano ed inusitato, e sia male tutto ciò ch’è legitimato dall’esperienza, e consacrato dal costume, e dalle circostanze d’una Nazione: non è da credere mai, che i fatti abbiano meno forza dell’autorità, e che basti franchezza e vivacità per piegare gli uomini saggi e prudenti a credere, che le umane Società siano come le Truppe degli Animali conducibili a capriccio d’un solo, e che rinunziando essi all’esperienza, alla cognizione delle cose, al tranquillo esame delle conseguenze, si possano indurre a permettere, che il destino delle Nazioni sia posto all’azzardo d’un incerto e pericoloso avvenire; e che finalmente conoscendo la catena


che