Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/362

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
348 la rócca.


     Due volte l’anno le canute agnelle
Sovra l’erbetta deporran le spoglie,
18Cura di Teagène e dell’ancelle.

     Veder ben puoi ch’all’ozïose soglie
Io non ti guido di codarda gente,
21Ma presso ad una di pudiche voglie

     Donna d’alti pensier piena la mente;
A te venuta di sì chiara sponda
24Con ignavi abitar non si consente.

     Patria t’è quella, che fondò sull’onda
Archia Corintio; di Sicilia il cuore,
27Siracusa d’eroi madre feconda.

     Or raccolta nell’inclite dimore
D’uom che all’egro mortal molce le pene,
30Co’ farmachi fugando ogni malore,

     Tu di Mileto abiterai l’amene
Piagge bagnate dall’Ionio, e spero
33Recherai nova grazia a Teagène.

     A lei ricorda il buon cantor straniero;
E sia talun che nel vederti dica:
36Picciolo par, ma grande e lusinghiero

     È sempre il don che vien da mano amica.