Pagina:Versi di Giuseppe Giusti.djvu/115

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

a girolamo tommasi. 91


E tosto intenderai come dal verme
     Di bavose letture allumacato,
     Del genio paesano appena nato
                                                  Raggrinza il germe.

Non tutti il vento forestiero intasa;
     V’ha chi bee le native aure vitali:
     Ma non è già chi spolvera scaffali
                                                  Tappato in casa;

E sol perchè di Cronache e Leggende
     E di scene cucite un sudiciume,
     Per carestia, per noia e per costume
                                                  Si compra e vende,

Pensa e s’allenta in pueril conato
     Di Storia o d’Epopea, tisico a tanto,
     O sotto il peso di tragico manto
                                                  Casca sfilato;

O briaco di sè scansa la gente,
     E per il lago del cervello oscuro
     Pescando nel passato e nel futuro
                                                  Perde il presente:

Ma quei cui non fann’ombra all’intelletto
     La paga, il boia e gli altri spauracchi;
     Che si misura senz’alzare i tacchi
                                                  Col suo subietto;

Che benedice alla nativa zolla,
     Nè baratta sapore o si tien basso,
     Se, Dio volendo, invece d’ananasso
                                                  Nacque cipolla.

Varian le braccia in noi, varia l’ingegno
     A diversi bisogni accomodato:
     E trono e forca e seggiola e steccato
                                                  Non fai d’un legno.