Pagina:Versi di Giuseppe Giusti.djvu/147

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la terra dei morti. 123


Con che forza si campa
     In quelle parti là!
     La gran vitalità
     Si vede dalla stampa.
     Scrivi, scrivi e riscrivi,
     Que’ Geni moriranno
     Dodici volte l’anno,
     E son lì sempre vivi.

O voi, genti piovute
     Di là dai vivi, dite,
     Con che faccia venite
     Tra i morti per salute?
     Sentite, o prima o poi
     Quest’aria vi fa male,
     Quest’aria anco per voi
     È un’aria sepolcrale.

O frati soprastanti,
     O birri inquisitori,
     Posate di censori
     Le forbici ignoranti.
     Proprio de’ morti, o ciuchi,
     È il ben dell’intelletto;
     Perchè volerci eunuchi
     Anco nel cataletto?

Perchè ci stanno addosso
     Selve di baionette,
     E s’ungono a quest’osso
     Le nordiche basette?
     Come! guardate i morti
     Con tanta gelosia?
     Studiate anatomia,
     Che il diavolo vi porti.