Pagina:Versi di Giuseppe Giusti.djvu/188

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



E sopite nel pensiero
Le sublimi ombre del vero,
               Avventate ipotesi,

Troverem nel positivo
Uno stato negativo
               Buono per lo stomaco.

Il pacifico marito
Proponendo per quesito
               La pace domestica,

Colla tepida compagna
Sommerà sulla lavagna
               Gli obblighi del vincolo;

E Imeneo, fatto architetto,
Darà figli al quieto letto
               D’ordine composito.

Biasceranno unti di teglia
I Fedeli in dormiveglia
               Salmi geometrici;

Ci daranno i Magistrati
Certi codici stillati
               Che parranno spirito;

E vangato e rivangato
Sarà immagine lo Stato
               Del Giardin dei semplici.

Chi piantò l’ordin civile
Sulla base puerile
               Dell’amore unanime?

Chi ci fece quest’oltraggio
Di premettere il coraggio
               Alla poltronaggine?

Ah l’amore è un parosismo!
In un lento quïetismo
               Va cullato il popolo.