Pagina:Versi di Giuseppe Giusti.djvu/249

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il sortilegio. 225


Questo libro utilissimo, non solo
     Egli lassù l’avea disseminato,
     Ma nel mezzo di piazza al montagnolo
     Spiegato con amore e postillato;
     E il giorno dell’arrivo, al Merciaiolo,
     Il popolo, il comune, e il vicinato
     Correano a dire i sogni della notte,
     Ladri, morti, paure, e gambe rotte.

Ed ei, presa la mano a far l’Oracolo,
     O rispondeva avvolto o stava muto;
     Anzi, tra l’altre, aveva un tabernacolo
     Con dentro un certo Santo sconosciuto,
     Dal qual, secondo lui, più d’un miracolo,
     E più d’un terno a molti era piovuto,
     Pur di destare la sua cortesia
     Pagando un soldo ed un’Avemmaria.

Lo spolverava, l’apriva, e gridava
     Che tutti si levassero il cappello;
     Poi brontolando Paternostri, andava
     Torno torno a raccorre il soldarello:
     E mentre ognuno pregava e pagava,
     Più numeri, di sotto dal gonnello,
     Tirava fuori agli occhi della folla
     Il moncherino di quel Santo a molla.

Nè volendo, se a vuoto eran giocati,
     Parer col Santo e tutto, un impostore,
     Egli è, dicea, per i vostri peccati,
     Che non trovan la via di venir fuore.
     Smunti così gran tempo e bindolati
     Avea que’ mammalucchi in quell’errore,
     E col Governo il traffico diviso,
     E mescolato al vizio il Paradiso.