Pagina:Versi di Giuseppe Giusti.djvu/371

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

347

FRAMMENTO.



Con la fida lucerna
     Spesso del meditar prendo diletto,
     Virtù che l’uomo eterna
     Derivando dai libri all’intelletto.

Il solitario lume
     Guizza sull’alba, e inaridito manca.
     La parete e il volume
     Trema, e svanisce alla pupilla stanca.

Tace la mente, ed erra
     Da subiti fantasmi esagitata,
     E il cor mesto si serra
     Come perdendo una persona amata.

Ma nel buio profondo
     Splende alla fantasia luce divina:
     E oblia la vita e il mondo
     L’innamorata mente peregrina.

Varca i secoli, e gli anni
     Scorda che il ciel le diè mesti e fuggenti:
     Poi torna ai noti affanni,
     O rivive nei suoi giorni ridenti.