Pagina:Versi di Giuseppe Giusti.djvu/372

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
348

PER LA MORTE

DELL’UNICA FIGLIA DI URANIA E MARCO MASETTI.



Tu di un tenero padre
     Eri l’unica gioia e la speranza:
     Per te nei dì venturi,
     Come in gaio dipinto,
     Alla sua stanca età crescer vedea
     Spettacol nuovo di sante dolcezze,
     Ed in altre carezze
     Ai tardi anni senili
     Restituirsi i tuoi baci infantili.

Perchè da lui t’involi
     Or che l’uopo di te sentia maggiore?
     Vedi, nel suo dolore
     Il misero non ha chi lo consoli!
     O anima gentil, pietà ti muova
     Del mesto genitor che t’amò tanto!
     A lui ritorna colle nuove piume
     D’Angelo, a serenarlo in mezzo al pianto.
     Tu soave pensiero e caro lume
     Eri della sua vita:
     Ogni dolcezza sua teco è perita.