Pagina:Versi di Giuseppe Giusti.djvu/81

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



Si rimettevano
     Mogli e mariti
     L’uggia reciproca
     Di star cuciti;

E l’Orco, e i magici
     Sogni ai bambini,
     Eran gli articoli
     Del Lambruschini.

Oggi si predica
     E si ripiglia
     La santimonia
     Della famiglia.

I figli, dicono,
     Non basta farli;
     V’è la seccaggine
     Dell’educarli.

E in casa il tenero
     Babbo tappato,
     Cova gli scrupoli
     Del proprio stato;

E le Penelopi
     Nuove d’Italia,
     La bega arcadica
     Di far la balia.

Oh tempi barbari!
     Nessun più stima
     Quel vero merito
     Di nascer prima,

Dolce solletico
     Di un padre al core:
     Ah l’amor proprio
     È il vero amore!