Pagina:Viaggio in Dalmazia.djvu/126

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

     A to gleda Junak Asan-Ago;
85Ter dozivglie do dva sîna svoja:
Hodte amo, sirotize moje,
Kad-se nechie milovati na vas
Majko vascia, serza argiaskoga.
     Kad to ula Asan Aghiniza,
90Bjelim liçem u zemgliu udarila;
U pût-se-je s’duscjom raztavila
Od xalosti gledajuch sirotag.g



(a) Non essendo i varj caratteri usati in Dalmazia molto comunemente noti, credo prezzo dell’opera il trascrivere questi quattro versi ne’ tre principali, cioè nel Glagolitico, o Geronimiano de’ libri Liturgici, nel Cirilliano de’ documenti antichi, e nel corsivo Cirilliano de’ Morlacchi, che molto somiglia al corsivo de’ Russi, se alcune sue note particolari se n’eccettuino.

Il corsivo de’ Morlacchi è men bene ortografato, ma mantiene più la verità della loro qualunque siasi pronunzia, da cui nel testo io mi sono un po’ allontanato.

Il Serviano majuscolo de’ Calogeri, e il corsivo usato nell’interiore della Bosna, ch’è quasi arabizzato, sono anch’essi curiosi; ma sarebbe di noja il riferirli.