Pagina:Vivanti - Naja Tripudians, Firenze, Bemporad, 1921.djvu/154

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
150 Naja Tripudians


ora, facendo scorrere sugli anelli un’altra pesante portiera rossa, aprì una porta che comunicava colla camera vicina.

— E questa è la stanza della ragazzina, — disse, guardando Leslie.

Leslie, sorridendo a quell’appellativo, seguì la donna verso la camera attigua, ma giunta sul limitare si arrestò con un’esclamazione di meraviglia.

— Myosotis! guarda!

Allora anche Myosotis si affacciò alla soglia e si fermò stupita.

— Mio Dio! — disse Leslie inoltrandosi con passo trepido, — pare di entrare nel cuore di una rosa!

Difatti la camera era tutta a tinte digradanti dal rosa pallidissimo al rosa profondo. Dalla tappezzeria carnicina, quasi bianca, i mobili di broccato e il morbido tappeto andavano via via facendosi di tinta più vivida e incarnatina, fino al centro della stanza dove troneggiava regale il letto colle seriche coltri di un rosa vividissimo. Era la stanza di una principessa. Intorno, dei larghi specchi ne riflettevano e moltiplicavano all’infinito il rosato splendore. L’aria era tiepida e profumata di white-rose.