Pagina:Vivanti - Sorella di Messalina.djvu/43

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
...sorella di messalina 39


sultava gli uomini, si pettinava come un apache, si profumava il fazzoletto coll’etere. Dipingeva con balda iattanza, sbattendo sulla tela delle spennellate sprezzanti e disdegnose.

E trattando così, con altezzosa villania, gli uomini, le donne e l’arte, si fece molto notare ed apprezzare.


Ed essa lo amò. Lo amò con frenesia ed estasi, con rapimento e strazio.

Ben presto venne l’epoca, come in tutti gli amori, in cui ella non volle più vedere nessuno all’infuori di lui; nè amici, nè amiche, nè conoscenze, nè estranei. Lo rinchiuse nella sua passione come in una fortezza, esigendo da lui il passato, il presente e l’avvenire, chiedendogli la rinuncia ai suoi ideali, alle sue aspirazioni, alla sua individualità.

Conobbero insieme l’acre tedio e la snervante dolcezza della perenne solitudine a due.

E la donna, talvolta, ne fu quasi soddisfatta.

Trop suffit — quelquefois! — à la femme!

Ma nei convulsi allacciamenti saliva sempre dal cuore di lei — macabro ritornello — il desiderio della morte.

La morte!... Quella parola come un funebre rintocco accompagnava in lei la voluttà.