Pagina:Wallace - Ben Hur, 1900.djvu/437

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

431

pure gli occhi di colui che si avvicinava non guardavano nè lui nè la meravigliosa bellezza di Iras, ma erano fissi sul vecchio e cadente Balthasar. Il silenzio era profondo.

II Nazareno, tendendo il bastone verso di lui, gridò a voce alta.

— «Guardate l’agnello di Dio, che redimerà il mondo!» — Gli astanti, meravigliati dal gesto e dalla frase stavano ad ascoltare ciò che potesse seguire a queste strane parole che oltrepassavano la loro intelligenza. Su Balthasar esse ebbero un effetto irresistibile. Egli era venuto per vedere un’altra volta il Salvatore. La fede che gli aveva meritato tali privilegi in gioventù s’era andata confermando con gli anni, concedendo al suo sguardo una penetrazione superiore a quella dei suoi compagni, — una forza che gli permetteva di riconoscere alla sola apparenza colui ch’egli cercava. Piuttosto di chiamare questa forza un miracolo, possiamo considerarla come facoltà di un’anima che conservava ancora qualche traccia delle sue relazioni con la divinità, alla presenza della quale altre volte era stata ammessa, oppure come la giusta ricompensa di una vita di santità senza esempio in quell’epoca — una vita per sè stessa un miracolo. L’ideale della sua fede gli stava dinanzi, perfetto nel viso, nelle fattezze, nel vestito, nei movimenti, nell’età. Il suo volto spirava riconoscenza! Oh, se ora succedesse qualche cosa per svelare l’identità dello straniero! Ciò avvenne in quel momento.

Quasi per assicurare l’Egiziano che tremava, l’eremita ripetè il grido: — «Guardate l’agnello di Dio, che viene a redimere il mondo!» — Balthasar cadde in ginocchio. Per lui non v’era bisogno di spiegazioni; e, come se l’eremita lo sapesse, si rivolse a quelli che lo fissavano in atto di meraviglia e continuò:

— «Questi è Colui del quale dissi! Io non lo conoscevo, ma affinchè egli divenga manifesto ad Israele, sono venuto a battezzarlo con l’acqua. Io vidi lo Spirito discendere dal cielo sopra di lui, come una colomba. Ed io non lo conoscevo; ma colui che mi mandò a battezzare con l’acqua mi disse: — «Colui sopra il capo del quale vedrai scendere lo Spirito, è Colui che cerchi» — ed io — «vidi ed attesto...» — Egli si fermò; e, continuando ad indicare col bastone teso, lo straniero dai bianchi vestiti: — «ed io attesto che questi è il figlio di Dio!» —

— «E’ lui, è lui!» — gridò Balthasar con gli occhi pieni di lagrime. E cadde a terra svenuto.