Pagina:Wells - Quando il dormente si sveglierà, 1907.djvu/53

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L’eco del tumulto 47


voce, manifestando in tutti i loro movimenti una grande ansietà.

Intantp il batto aiutava Graham a indossare un abito color rosso cupo cbe combinava in sè stesso calze, pantaloni e giacchetta.

Tal vestito era ricoperto da un mantello sapientemente complicato, ma graziosissimo, di un bianco azzurrognolo: e così Graham fu vestito alla moda.

Contemplandosi nello specchio vide il suo volto pallidissimo, i capelli lunghi, la barba folta. Almeno non era più nudo; anzi era di una eleganza certa, ma indefinibile.

— Bisogna che mi faccia la barba, — disse.

— Fra poco, — fece Howard.

Il giovane che lo fissava insistentemente, chiuse gli occhi, li riaprì, e stendendo la sua scarna mano si avanzò verso Graham; quindi si fermò, fece dei gesti lenti, e parve cercasse qualche cosa intorno a sè.

— Una sedia! — esclamò Howard con impazienza, e in meno di un secondo l’uomo dalla barba bionda aveva posto ima sedia dietro a Graham. — Sedetevi, ve ne prego, — invitò Howard.

Graham esitò. In una mano dell’individuo dallo sguardo fisso, egli vide risplendere un oggetto luccicante.

— Non indovinate, Sire? — esclamò l’uomo dalla barba bionda con una premurosa cortesia. — Esso vi taglierà i capelli.

— Oh! — fece Graham comprendendo. — Ma come lo chiamate....

— Un «capillotomista» precisamente. Esso è uno de’ più brillanti artisti del mondo.

Graham si sedette, l’uomo dalla barba bionda di-