Pagina:Zappi, Maratti - Rime I.pdf/11

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

VII

PREFAZIONE

di

GIO. BATTISTA CATENA.



Prima di presentarti, o Lettore, le Rime del celebre Avvocato Gio: Battista Felice Zappi, ho stimato degno della tua notizia il breve elogio, che qui ti descrivo della di lui nobile origine, studio, ed onori da lui riportati non tanto dalla Corte di Roma, che dalla Repubblica de’ Letterati.

Nacque adunque Gio: Battista Felice Zappi da Evangelista nobile della città d’Imola: e conosciutasi da’ di lui genitori l’indole del fanciullo vivace, e inclinata agli studi, fu da loro mandato nel Collegio di Mont’Alto in Bologna, ove in età di anni tredici fu con universal maraviglia laureato da Ulisse Giuseppe Gozzadini, indi Cardinale amplissimo di santa Chiesa. Non contento poi il Zappi di star ristretto nell’angustie di quelle città convicine, che poco di gloria, e meno di fortuna contribuir gli potevano, s’elesse la Corte di Roma, ove portossi per esercitarsi nell’Avvocazione, impossessatosi pienamente e della teorica e della pratica, che in tal professione richiedesi: onde meritò da quel Regnante Pontefice Innocenzio XII esser onorevolmente provveduto delle cariche d’Assessore del Tribunale dell’Agricoltura, e di Fiscale di quello delle Strade. L’oggetto però della di lui più geniale occupazione era la Poesia, ed