Pagina:Zappi, Maratti - Rime I.pdf/409

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

361

GIO. BATTISTA RICHERI.


I


Io già non l’offro indiche gemme ed oro,
     Che ricca sorte il Cielo a me non diede;
     Ma l’offro eterno amore, eterna fede,
     E di carmi immortali ampio tesoro.
5Questi sempre vivranno; e tu per loro,
     Cintia n’andrai di chiara fama erede;
     E di quella beltà, che in te risiede,
     Il grido udrassi ognor dall’Indo al Moro:
Al par di quello della bella Argiva,
     10E di mill’altre più famose e mille
     Fia, che ’l tuo nome eternamente viva.
Nè già bramo da te, che a mie faville
     Arda il tuo cuor: ma sol, che acerba e seniva
     Non mi celi il fulgor di tue pupille.


II1


Di Giove intorno al vasto globo io miro
     Quattro stelle ora sceme, ed or crescanti
     Che nell’alta del Ciel parte s’uniro
     Di quel gran Mondo a illuminar le genti,
5Nè col folle pensiero io già deliro
     Imnaginando colassù Viventi,
     Cui riflettan quegli astri erranti in giro
     Del Sol, quando s’asconde, i rai Iucenti,
Veggiam pur, se la Luna in Cielo appare,
     10Che sola a noi splende nell’ombra oscura,
     Non ai boschi insensati, ai monti, al mare.
Così ad altri Viventi arde la pura
     Luce di quelle argentee faci e chiare;
     Che a vuoto oprar non seppe mai Natura.

  1. I quattro satelliti di Giove.