Pagina:Zappi, Maratti - Rime I.pdf/442

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
394

III1


Leon, che chiuso entro il natìo covile
     Crescer si senta al piè l’acuto artiglio,
     Sdegna ozio inerme, ed ave ogni esca a vile,
     Che non provochi all’ire il suo periglio.
5Quindi per le campagne ampie Massile,
     Compagno al padre, e non dissimil figlio,
     Gli armenti assalta, e fa del sangue ostile
     De’ giovenchi sbranati il suol vermiglio.
Sicuro poi del suo valor più fiero
     10Occupa il bosco, e del feroce sdegno
     Tutto d’Africa il Pian sente l’impero.
Tal esci in guerra, o generoso, o degno
     Germe guerrier di Genitor guerriero:
     Che angusto spazio a sì grand’Alma è un Regno


GIROLAMO TAGLIAZUCCHI.


I2


Quando imprimer di sdegno orme profonde
     Vuole il gran Dio, sovra l’alata schiena
     Degli Aquiloni ascende, e seco mena
     Fulmini e tuoni, e il Ciel turba e confonde.
5Apre l’atre caverne, ove s’asconde
     Il turbo e la procella, e gli scatena;
     E sossopra dall’ima algosa arena
     Tutto sconvolge il gran regno dell’onde.
Passa, percuote delle balze alpine
     10I duri fianchi, e qual deserto incolto
     Lascia le piagge senza frondi ed erbe:
Poi gli archi, i templi, e le città superbe
     Scuote, u’ riman l’abitator sepolto,
     E d’orror tutto ingombra e di ruine.

  1. A Iacopo figlio di Giovanni III. Re di Polonia.
  2. L’ira di Dio.