Pagina:Zappi, Maratti - Rime I.pdf/467

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

419

VII


Un’ombra io vidi in sue sembiante vero,
     Orrida sì, ch’immagin d’uom non serba,
     Sù carro assisa, in portamento altero,
     Muoversi inesorabile, e superba.
5Qual sorge nembo in nuvol denso, e nero,
     Che delle viti ampia fa strage acerba;
     Non altrimenti ella rotava il fiero
     Adunco ferro, e fea fascio d’ogn’erba.
Quì curvi aratri, e colà scettri infranti
     10In un misti, e confusi; una egual sorte
     Correan rustiche lane, e regi ammanti.
Al sol vederla intimorite, e smorte
     Le Genti tutte con singulti, e pianti
     Da lei fuggian, gridando: ahi Morte, hai Morte!


IX


Ahimè, ch’io sento la terribil tromba,
     Che i Morti chiama al gran Giudizio eterno,
     E sì dentro il mio cuore alto rimbomba,
     Che il Suol ne trema, e si spalanca Averno.
5Sorgo coll’ossa mie fuor della tomba,
     Ove m’aspetta il Giudice superno,
     Lasso! nè so, s’io sia Corvo, o Colomba,
     Che quindi aperto ho il Ciel, quindi l’Inferno.
Così mentre sospeso, e di spavento
     10Pieno, nella gran Valle io fò dimora,
     Alla final giusta sentenza intento,
Lasciami il sogno in sulla nuov’aurora,
     Nè più veggio il Giudizio, e pur mi sento
     Quell’aspra tromba nell’orecchie ancora.


X


Morta Colei, ch’il mio destin mi diede
     Per mia Tiranna a farmi ognor dolente,
     Ogni cui sguardo era uno strale ardente,
     Onde facea de’ cuor barbare prede,
5Men gìa qual’Uom, che agli occhi altrui non crede,
     A rimirar l’alme bellezze spente;