Parenti miei (se alcun ve n'è restato)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Alessandro Tassoni

Indice:The Oxford book of Italian verse.djvu Poesie Letteratura Parenti miei (se alcun ve n'è restato) Intestazione 26 marzo 2022 75% Poesie

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta The Oxford book of Italian verse


[p. 290 modifica]
P
ARENTI miei (se alcun ve n’è restato),

Dio vi dia bene e vi mantenga sani:
          In quanto a me, già v’ho donato ai cani,
          Nè vo’ mai più che me ne sia parlato.

[p. 291 modifica]

     5Parenti, chi vi crede sia frustato.
          Più presto i Turchi, più presto i marrani,
          Più presto i frati m’abbian nelle mani,
          Che fidarmi mai più di parentato.
     Vo’ ben che all’incontrarci per la via
          10Ci facciamo l’un l’altro di berretta,
          E ci diamo del Vostra Signoria.
     Ma dove l’interesse ci si metta,
          Ognun da sè, ognun per sè si stia.
          Parenti? In sulle forche, a dirla schietta.
                    15Questa è la mia ricetta;
          E se alcun mi riprende in fra le genti,
          Si possa imparentar co’ miei parenti.