Pasqua armena

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Vittoria Aganoor

XIX secolo P Indice:Boyajian - Armenian legends and poems.djvu poesie/Scritture di donne letteratura Pasqua armena Intestazione 8 ottobre 2008 75% poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Armenian Legends and Poems


[p. 122 modifica]

PASQUA ARMENA1


By VITTORIA AGANOOR POMPILJ


 
Non fu di fiele abbeverato? Il petto
non gli squarciò l'ignobile scherano?
Non fu percosso, irriso, e un'empia mano
4non lo inchiodò sul legno maledetto?

Pur, quale mai più glorioso e forte
risorgere, se ancor tuona la voce
dell'Osanna, e dovunque apre una croce
8le braccia, dall'idea vinta è la morte?

Armenia, ed anche a te squarciato il seno
vedo dai nuovi farisei. Raccolto
hanno il fango a scagliartelo sul volto;
11per dissetarti apprestano il veleno.

Ma se l'insazïata orda ferina
sulle tue membra flagellate e grame
oggi rinnova la tortura infame
14del Golgota, la tua Pasqua è vicina.


Note

  1. This and the following poem are reprinted from Nuove Liriche, by Vittoria Aganoor Pompilj. Roma. Nuova Antologia.