Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/105

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 105

../104 ../106 IncludiIntestazione 16 settembre 2009 100% Saggi

104 106

[p. 215 modifica]


*   E una delle gran cagioni del cangiamento nella natura del dolore antico messo col moderno, è il Cristianesimo, che ha solennemente dichiarata e stabilita, e per cosí dire attivata, la massima della certa infelicità e nullità della vita umana, laddove gli antichi come non doveano considerarla come cosa degna delle loro cure, se gli stessi Dei, secondo la loro mitologia, s’interessavano sí grandemente alle cose umane per se stesse, e non in relazione a un avvenire, erano animati dalle stesse passioni nostre, esercitavano particolarmente le nostre stesse arti (la musica, la poesia ec.), e insomma si occupavano intieramente [p. 216 modifica]delle stesse cose di cui noi ci occupiamo? Non è però ch'io consideri intieramente il cristianesimo come cagion prima di questo cangiamento, potendo anzi esserne stato in parte prodotto esso stesso (come opina Beniamino Constant in un articolo sui Padri della Chiesa riferito nello Spettatore), ma solamente come propagatore principale di tale rivoluzione del cuore.


*   Non per questo che il piacere del dolore è conforto all'infelicità moderna, l'ignoranza di esso piacere era difetto alla felicità antica.


*   Come nella speranza o in qualunque altra disposizione dell'animo nostro il bene lontano è sempre maggiore del presente, cosí per l'ordinario nel timore è piú terribile il male.


*   Per le grandi azioni, che la maggior parte non possono provenire se non da illusione, non basta ordinariamente l'inganno della fantasia, come sarebbe quello di un filosofo, e come sono le illusioni de' nostri giorni tanto scarsi di grandi fatti, ma si richiede l'inganno della ragione, come presso gli antichi. E un grande esempio di questo è ciò che accade ora in Germania, dove, se qualcuno si sacrifica per la libertà, come quel Sand uccisore di Kotzebue, non accade, come potrebbe parere, per effetto della semplice antica illusione di libertà, e d'amor patrio e grandezza di azioni, ma per le fanfaluche mistiche di cui quegli