Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/1150

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 1150

../1149 ../1151 IncludiIntestazione 6 febbraio 2013 100% Saggi

1149 1151

[p. 442 modifica] e Sidonio (lib.V, ep. 13), ne tum quidem domum laboriosos redire permittens, cum tributum annuum datavere, usano il continuativo in luogo del positivo, perché hanno a significare non il semplice atto di [p. 443 modifica]dare, ma il costume di dare, che è cosa né semplice né frequente, ma continua.

Da sputus o sputum di spuere, sputare. Iamdudum sputo sanguinem, dice Plauto, cioè soglio sputar sangue, e non avrebbe potuto dire spuo. Vedi in tal proposito Virgilio, Georgiche, I, 336,receptet. Ricettare e raccettare in italiano non è azione venti volte piú continua o durevole ec. di ricevere? Vedi anche resultat, Georgiche, IV, 50; ed osserva il risultare italiano, francese e spagnuolo. Puoi vedere p. 2349.

Da ostentus di ostendere, participio, a quel che pare, piú antico di ostensus, ebbero i latini il continuativo ostentare.

Altera manu fert lapidem, panem ostentat altera, disse Plauto (Aulularia, II, 2, vers. 18), e non avrebbe potuto dir propriamente ostendit, volendo significar uno che quasi ti mette quel pane sotto gli occhi, perché tu non solamente lo veda ma lo guardi. E Cicerone metaforicamente (Agrar., II, c. 28): Agrum Campanum quem vobis ostentant, ipsi cuncupiverunt. Ponete ostendunt invece di ostentant e vedrete come l’azione diventa piú breve e la sentenza snervata e inopportuna. Lo stesso dico delle altre metafore di ostentare per iactare gloriari, venditare e simili, tutti significati continuati (8-9 giugno 1821). Vedi p. 2355, principio.


*   Alla p. 1166. Quello che dico de’ verbi in tare si deve anche estendere ad altri verbi terminati in altro modo, massimamente in sare, per anomalia de’ participii o supini da cui derivano; come pulsare (che anticamente, e soprattutto, come nota Quintiliano, presso i comici, si scrisse anche pultare)