Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/1249

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 1249

../1248 ../1250 IncludiIntestazione 23 febbraio 2013 100% Saggi

1248 1250


[p. 32 modifica] che qualunque altro linguaggio, sono abbastanza manifeste da se. Quella ricchezza proprissima della lingua italiana, e maggiore in lei che [p. 33 modifica]nella stessa greca e latina, della quale ho parlato p. 1240-42, non da altro deriva che dall’idioma popolare, giudiziosamente e discretamente applicato dagli scrittori alla letteratura.

4o, Con questi vantaggi vennero anche dalla stessa fonte molti abusi. Li condanniamo altamente e conveniamo in questo cogli scrittori che oggidí alzano contro di essi la voce in Italia, senza convenire in questo che ogni genere di bellezza in una lingua non debba per necessità riconoscere come sua fonte essenziale e principale l’idioma popolare. Dico della bellezza ec., la quale conviene alla vera poesia ed alla bella letteratura, essenzialmente distinta nel suo linguaggio da quello che conviene alle scienze ec. Negando questo, io non so com’essi ammirino tanto, per esempio, il Caro, la massima parte delle cui verissime, finissime e carissime bellezze, sí nelle prose come ne’ versi dell’Eneide, ognun può vedere a prima giunta che derivano originalmente da un grandissimo uso e possesso del linguaggio toscano volgare (o anche degli altri volgari d’Italia: vedi Monti, Proposta, vol. I, parte 1, p. XXXV) e da una giudiziosissima applicazione di questo ai diversi generi della letteratura, dai piú bassi fino ai piú alti, dalle lettere familiari fino all’epopea. Del resto, ben fecero gli scrittori italiani attingendo al volgare toscano piú che agli altri volgari d’Italia, e ciò