Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/1579

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 1579

../1578 ../1580 IncludiIntestazione 5 dicembre 2013 100% Saggi

1578 1580

[p. 244 modifica] determina la sua fisonomia e l’impressione ch’ella ci fa. Un animale senz’occhi, o i cui occhi non si vedano o sien fatti diversamente dai nostri, come quelli delle lumache, tali animali non hanno fisonomia per noi; talora neppur ci paiono appartenenti al nostro genere, cioè al regno animale. E lo ci parrebbero se avessero occhi simili ai nostri, quando anche tutto il resto della loro forma differisse affatto dalle forme generalmente comuni agli animali. L’occhio insomma sembra essere il costituente di ciò che si chiama fisonomia, e quasi anche, almeno nella nostra idea, di tutto l’aspetto dell’animale.

     L’altezza della fronte è indizio di talento, d’anima nobile, suscettibile, capace ec. Vedi Lavater. E l’altezza della fronte è bellezza e piace; e viceversa la bassezza.


     Il volto è la parte piú significativa dell’uomo. E il volto è la parte principale della bellezza umana, come ho sviluppato altrove (28 agosto 1821). [p. 245 modifica]


*    Per un esempio e in conferma di quanto ho detto altrove, che l’eleganza, la grazia ec. dello scrivere antico, la semplicità de’ concetti e de’ modi, la purità ec. della lingua, sono o in tutto o in parte piaceri artifiziali, dipendenti dall’assuefazione e dall’opinione, relativi ec., e fanno maggior effetto in noi, e ci piacciono piú che agli stessi antichi, a quegli stessi scrittori che ci recano oggidí tali piaceri ec. ec., si può addurre il Petrarca