Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/1679

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 1679

../1678 ../1680 IncludiIntestazione 27 novembre 2014 100% Saggi

1678 1680

[p. 305 modifica] anche oggi nel latino vae, gr. οὐαὶ, ch’egli scrive e pronunzia guai, mutato il v in gu, come in guado, guastare, da vadum, vastare ec. I nostri contadini in alcune parti d’Italia dicono golpe, (vedi Monti, Proposta ec. in Golpe, dove senza bisogno lo deriva dal francese), golo, sguelto, guerro per volpe, volo, svelto, verro (porco, non castrato, verres) ec. ec. E viceversa vardare, valchiera per guardare, gualchiera ec. Noi diciamo vizzo e guizzo (Crusca). I nostri antichi diceano vivore per vigore (Crusca). Il déguiser francese è corruzione di déviser (vedi la Crusca in divisato: svisare è pur lo stesso, in rigore d’etimologia). Non parlo della pronunzia del w inglese ec. ec. ec. (12 settembre 1821).


*   L’italiano, il francese, lo spagnuolo, i quali parlano, massime l’italiano, poco differentemente da quello che parlavano i latini, non perciò scrivono come i latini scrivevano. Vale a dire che delle due lingue romane distinte da Cicerone, la rustica è sopravvissuta alla cólta, l’una vive alterata, l’altra è morta del tutto. Tanta è la tenacità del popolo, tanta la [p. 306 modifica]difficoltà di conservare e