Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2089

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2089

../2088 ../2090 IncludiIntestazione 27 novembre 2014 100% Saggi

2088 2090

[p. 46 modifica] le lingue d’indole antica sono capacissime della piú sottile filosofia e di esprimere ogni piú riposta ed elementare idea umana; 2o, che la lingua greca (simile alla tedesca) lo fu e lo sarebbe anche oggi se vivesse, ed avrebbe potuto servire ai nostri tempi molto meglio della latina se ec. ec. ec.; 3o, che la lingua italiana, essendo fra le [p. 47 modifica]lingue moderne formate la piú antica di fatto e d’indole, la piú libera ec. (tanto ch’ella vince in queste qualità la stessa latina sua madre) è sommamente capace di filosofia, per astrusa che possa essere, quando coloro che l’adoprano, sappiano conoscere e impiegare le sue qualità, e le immense sue forze, e le forme di cui è suscettibile per sua natura, e volerla applicare alle cose moderne ec. (14 novembre 1821).


*    Il est très-facile d’écrire dans