Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2104

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2104

../2103 ../2105 IncludiIntestazione 27 novembre 2014 100% Saggi

2103 2105

[p. 54 modifica] particolare da Velleio sulla fine del primo), sebbene il secol d’oro detto di Pericle non appartenesse che agli ateniesi ec. ec., nondimeno né la lingua né la letteratura greca non fu mai ristretta a quei termini di unità, che definiscono, uniformano, assoggettano, regolano una letteratura o lingua e la rendono meno varia, libera, originale ec. E questo perché non v’ebbe in Atene, neppure in quei tempi, tanto spirito di società giornaliera come in Roma e perché gli stessi scrittori ateniesi, e in quel secolo e poi, non si restrinsero mai per nessun modo al solo dialetto ateniese o al solo gusto ateniese; anzi per lo contrario ec. E di piú ciascuno scrittore pensò e scrisse da se e si formò da se una scuola, una lingua, uno stile, una letteratura ec. (vedi la p. 2090). Senofonte, detto l’ape attica e tipo di atticismo, fu esiliato come λακωνίζων, visse quasi sempre fuori d’Atene, viaggiò molto in