Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3104

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3104

../3103 ../3105 IncludiIntestazione 4 dicembre 2016 100% Saggi

3103 3105

[p. 186 modifica] predette considerazioni generali questa particolarità che l’Eroe da Omero celebrato era greco, e la nazione era la greca, cioè quella alla quale egli cantava e a cui egli apparteneva, e la guerra era stata contro i barbari. Molto conveniente cosa, pigliare per soggetto del poema epico le lodi e le imprese della propria nazione e una guerra contro i perpetui e naturali nemici di lei, ciò erano i barbari. Cosa che raddoppiava, anzi moltiplicava l’interesse del poema, siccome accade nella Lusiade, siccome ancora nell’Eneide ec. Onde Isocrate pensa che gran parte della celebrità di Omero e della grazia in che sempre furono i suoi poemi appo i greci, derivi dal patriotismo de’ medesimi poemi e dalle battaglie e vittorie contro i barbari, che in essi sono celebrate (Vedilo nel Panegirico, edizione del Battie, Isocr. Oratt., VII, et epistt., Cantabrig., 1729, p. 175-76). Or come poteva Omero fingere o narrar perditori